17 marzo 2017

SCANDALO VACCINI: AGISCI CON IL CODACONS PER OTTENERE L’INDENNIZZO ED IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA VACCINO

I FATTI.

Il Codacons da anni sostiene l’importanza della vaccinazione di massa ma solo di vaccini singoli e sicuri.

Purtroppo troppo spesso si registrano negli infanti sottoposti a vaccinazioni reazioni avverse, importanti e gravi danni neurologici nonché danni motori sino ad arrivare alla sindrome autistica.

LE SENTENZE.

Diventano numerosi i casi di sentenze di Tribunali Italiani e persino della Cassazione che riconoscono il nesso di causalità tra la vaccinazione ed i problemi lamentati dai bambini sottoposti alle vaccinazioni e che, pertanto, condannano il Ministero della Salute a corrispondere l’indennizzo di legge/ il risarcimento del danno ai danneggiati ovvero ai genitori dei danneggiati:

  • Nel settembre 2014 il Tribunale di Milano “acclarata la sussistenza del nesso causale tra la vaccinazione e la malattia” ha condannato il Ministero della Salute Italiano a versare un assegno ad un bambino autistico calcolato a partire da una base di € 1683 euro. Il perito nella relazione sottolinea che “il vaccino mostra una specifica idoneità lesiva per il disturbo autistico la cui portata è in realtà sottostimata per l’esistenza – recentemente confermata dall’Autorità Sanitaria Australiana – di lotti di vaccino contenenti un disinfettante a base di mercurio oggi ufficialmente bandito per via della comprovata neurotossicità IN CONCENTRAZIONI TALI DA ECCEDERE LARGAMENTE I LIVELLI MASSIMI RACCOMANDATI PER LATTANTI DEL PESO DI POCHI CHILI”
  • Recentemente il Tribunale di Milano basandosi sulla perizia redatta dal Dott. Tornatore nel giugno 2014 stabiliva che “… proprio grazie a tale ammissione della Glaxo è probabile che il disturbo autistico del bimbo sia stato concausato dal vaccino Hinfarix Hexa” poiché in realtà sino a che Glaxo non ha ammesso i 5 casi di autismo emersi durante la sperimentazione clinica il nesso tra vaccini e malattia costituiva una semplice possibilità e questa evidenza rendeva la successione dei due fatti/somministrazione vaccini e regressione autistica assai più facilmente causale che non.
  • Il Tribunale Civile di Agrigento stabiliva esserci collegamento tra vaccini e autismo riconoscendo di risarcire un ragazzo autistico di Agrigento che nel 2000 fece il tetravalente (contro difterite, tetano, pertosse ed epatite B); il Giudice siciliano nel 2014 aveva riscontrato un rapporto di causa-effetto tra medicinale e patologia e riconosciuto alla famiglia un danno di 250mila euro.
  • Nel 2012 il Tribunale di Rimini (sentenza 148/2010) condannava il Ministero della Salute a risarcire i familiari del piccolo danneggiato poiché riconosceva il nesso di causalità tra il trivalente effettuato (morbillo-parotite-rosolia) e l’autismo insorto successivamente.
  • Nel luglio 2012 la Corte di Appello di Torino riconosceva in capo ad una ragazza di 29 anni che da 24 anni vive in stato vegetativo a causa della vaccinazione antidifterite e antitetanica effettuata nell’anno 1988 un risarcimento di 1,8 milioni di euro
  • In data 21.09.2007 il Tribunale di Genova, addirittura contravvenendo alle conclusioni del nominato CTU che sosteneva doversi manifestare subito dopo il vaccino antipolio le complicanze accusate dal bambino quali la meningite e l’encefalite, riteneva possibile il manifestarsi delle reazioni allergiche al vaccino anche lentamente nel tempo. Il Tribunale riconoscendo quindi acquisita agli atti la prova di una ragionevole probabilità circa il nesso di causalità o di con-causalità fra la infermità di ___ e la vaccinazione antipolio che gli è stata somministrata riconosceva il danneggiato come soggetto che ha diritto alla prestazione prevista dalla Legge 210/1992 oltre accessori.

 

*******

LA SICUREZZA.

Il Codacons riceve quotidianamente segnalazioni di genitori che sono allarmati e preoccupati dalle notizie inerenti la sicurezza dei vaccini e che in particolare lamentano l’insorgenza di gravi reazioni allergiche e malattie dei propri bambini in seguito all’effettuazione delle vaccinazioni.

Se ritieni che il tuo bambino abbia subito danni in seguito all’effettuazione di vaccinazioni, AGISCI CON IL CODACONS contro il Ministero della Salute per richiedere:

  • l’indennizzo di cui alle legge 210/92: questa normativa stabilisce chiaramente che chiunque abbia riportato a causa di vaccinazioni obbligatorie per legge o per ordinanza di una autorità italiana, lesioni o infermità, dalle quali sia derivata una menomazione permanente della integrità psico-fisica, ha diritto ad un indennizzo da parte dello stato alle condizioni e nei modi stabiliti dalla presente legge e tale indennizzo veniva già esteso alle vaccinazioni non obbligatorie come quella contro il morbillo, la parotite e la rosolia (Corte Cost. 107/2012);
  • l’indennizzo ulteriore di cui alla legge 229/2005: tale normativa prevede infatti che ai soggetti di cui all’art. 1 comma 1 della legge 25 febbraio 1992 n. 210 è riconosciuto in relazione alla categoria già loro assegnata dalla competente commissione medico-ospedaliera di cui all’art 165 del testo unico di cui al Decreto del Presidente della Repubblica 29 dicembre 1973 n. 1092, un ulteriore indennizzo e prevede altresì che (omissis..) esso è corrisposto per la metà al soggetto danneggiato e per l’altra metà ai congiunti (o chiunque altro) che prestano o abbiano apprestato al danneggiato assistenza in maniera prevalente o continuativa;
  • il risarcimento del danno ai sensi dell’art 2043 cc in base al quale qualunque fatto doloso o colposo che cagiona ad altri un danno ingiusto obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcirlo.

Se ritieni che i tuoi figli abbiano ricevuto un danno da vaccino CLICCA QUI per iscriverti all’azione.

L’INIZIATIVA CODACONS.

Potrai iscriverti all’Associazione a costo zero e riceverai tutte le informazioni necessarie per sottoporre il tuo caso al COMITATO MEDICO SCIENTIFICO CREATO DAL CODACONS affinché venga stabilito dal punto di vista medico se e come la problematica sia ricollegabile al vaccino.

Verrai ricontattatto al termine della valutazione e, se verrà accertato il nesso di causalità (il criterio di “ragionevole probabilità” indicato dalla Corte Costituzionale 179/1988) tra la vaccinazione effettuata sui piccoli e la patologia sviluppata successivamente, potrai agire o con un tuo avvocato di fiducia, liberamente scelto, oppure con gli avvocati del Codacons, per richiedere l’indennizzo e/o il risarcimento del danno da vaccino come sopra illustrato.